Kotoaki Asano

Kotoaki Asano (*1972) è un artista, architetto, designer e poeta giapponese. La sua pratica poliedrica affonda le radici nelle tradizioni giapponesi, sviluppate concettualmente per rendere il mondo che ci circonda consapevolmente e sensibilmente percepibile attraverso gli elementi dell'architettura. Asano crea spazi che dialogano con l'ambiente circostante, conferendo loro una dimensione poetica.

Le sue opere sono già state esposte in diverse biennali, tra cui la Biennale di Lucca OFF 2021 in Italia, la Biennale di Larnaca 2021 a Cipro, la Biennale Art Ii 2022 in Finlandia, l’Artspace Bremerhaven 2023 in Germania e L'AND ART 23 / 5a. Biennal Internacional d'Andorra ad Andorra. Tra gli altri, ha ricevuto l'American Architecture Master Prize nel 2019, il Korean K-Design Award 2020 Grand Prize e più recentemente ha vinto l'ICONIC AWARDS 2021 in Germania.

Ispirandosi al tema “Giardino e architettura” e allo splendido sito della Biennale Bregaglia 2024, Kotoaki Asano ha creato tre padiglioni eolici che tre il gioco mutevole della luce e del vento a Bondo. La loro collocazione permette a queste opere di esistere all'interno dell'intero paesaggio, in modo da richiamare l'attenzione sul contrasto tra il paesaggio del villaggio in primo piano, il piccolo scenario naturale intorno al villaggio e il paesaggio montano in lontananza.

Wind Pavillon A, B e C

2024
A fili di acciaio
B fili di nylon, legno
C cotone, rete di nylon, legno



Lisa Collomb

Lisa Collomb (*1984) è un’artista transdisciplinare irlandese-svizzera che lavora a Coira. La sua pratica artistica riguarda la documentazione e la rappresentazione dell'ambiente naturale e costruito. Attraverso l’intricata manipolazione delle immagini della realtà ambientale, l’artista svela uno spazio che intreccia la sfera digitale e quella analogica.

Il suo lavoro è caratterizzato da un legame duraturo con il luogo ed è stato esposto nel 2022 alla mostra collettiva dell’Alps Art Academy di Tenna e nel 2021 alla mostra personale Pointclouds of the Alpine City nella Stadtgalerie di Coira.

BIENNALE BREGAGLIA 2024 le ha offerto l'opportunità di creare un'opera site-specific che combinasse i suoi interessi per l’architettura e l’ecologia, e di presentarla in un luogo che ha un significato speciale per l’artista.

Con A world between the lines, Collomb ha creato uno spazio ultraterreno a Bondo, dove ha scelto i Crotti per presentare la sua installazione. Come sistema di raffreddamento naturale e rappresentazione architettonica del mondo naturale che lavora insieme all'ambiente costruito, i Crotti sono stati la sede logica del suo progetto che, allo stesso modo, esplora la simbiosi tra piante e architettura.

Un mondo tra le linee può essere visto come una scultura di luce illusoria che sfida la percezione dello spettatore. Utilizza il mezzo della nuvola di punti per rappresentare lo “spazio intermedio”, in un modo che fa riferimento al titolo del progetto.

A World Between the Lines

2024
stampa Pointcloud su lastre acriliche
10 parti



Athene Galiciadis

Athene Galiciadis (*1978) è un’artista che vive e lavora a Zurigo. La sua opera spazia dalla scultura ai dipinti e alle installazioni che entrano sempre in dialogo con lo spazio. Questo può essere sia lo spazio fisico che gli interstizi mentali creati da motivi geometrici e organici e da una tavolozza colorata.

Athene Galiciadis ha tenuto finora due importanti mostre personali – Orientation al Museum Haus Konstruktiv (Zürich 2023) e Measuring the World alla galleria von Bartha (Copenhagen 2023) – che hanno portato a un articolo sul suo lavoro nel numero 236 della rivista Frieze. Nel 2022, l'artista ha ricevuto anche il premio di sponsorizzazione della fondazione per l'arte grafica in Svizzera.

Da tempo Athene Galiciadis è interessata ai rifugi di fortuna creati dall’uomo, che danno vita a strutture che esprimono sicurezza, ordine e gerarchia. Per BIENNALE BREGAGLIA 2024, Galiciadis ha sviluppato una struttura di questo tipo, una sorta di rifugio che incarna anche un’opera d'arte come laboratorio. Il riparo (shelter), che è stato sviluppato appositamente per Bondo e che funge anche da serra per i pomodori, consente di esaminare le questioni ecologiche ed economiche. Galiciadis lo dedica agli abitanti di Bondo, alle lumache, agli uccelli e agli altri animali del giardino. L’interazione tra gli interventi artificiali nell'ambiente e la vita simultanea secondo il modello di vita di Galiciadis.

Nachtwache ich

2024
colore acrilico, telo, legno di nocciolo, spago, piante di pomodoro, piante di prezzemolo, piante di basilico, terra



Georg Gatsas

Georg Gatsas (*1978) è un artista e fotografo. Per le sue fotografie – per lo più ritratti di figure chiave delle scene musicali contemporanee e della cultura dei club – va direttamente al centro degli eventi. Si concentra sui processi socioculturali ed entra in contatto con le visioni sociali di libertà, diversità, solidarietà e stili di vita individuali.  Il suo sguardo attraverso l'obiettivo della macchina fotografica gli serve come strumento di comunicazione e, non da ultimo, di ricerca. Alla ricerca di momenti di esperienza collettiva, Gatsas è spesso in giro di notte per le strade, i club e le piste da ballo. Tuttavia, il soggetto delle sue fotografie va oltre il contesto immediato della musica. Si tratta di identità caratterizzate dalla migrazione e dalla rete globale. In questo senso, Gatsas si considera parte di un dialogo interculturale.

Georg Gatsas ha ricevuto il Premio federale d'arte (2007) e il Premio Manor St. Gallen (2017).

I temi della natura e del cambiamento climatico, così come la loro rappresentazione visiva, trovano sempre più spazio nelle produzioni più recenti dei musicisti con cui Georg Gatsas collabora. Da tempo l'artista cerca un modo per mettere a fuoco la sua macchina fotografica sui fenomeni della natura. Nel corso della BIENNALE BREGAGLIA 2024, Gatsas ha colto l'occasione per ritrarre la natura parzialmente incontaminata con le sue diverse specie arboree in Val Bregaglia.

Alberi

2024
stampa su cotone
8 parti



Marcel Herbst

Marcel Herbst (*1938) è uno studioso della sociologia, saggista e fotografo. La fotografia lo ha accompagnato per quasi tutta la vita. Dal 1980 lavora in analogico, quasi esclusivamente con negativi di grande formato. I suoi temi principali sono l'architettura vernacolare (locale), i paesaggi e le testimonianze visive di una cultura ebraica orientale scomparsa.

Nell’ambito della sua ricerca socioeconomica, Marcel Herbst ha anche documentato fotograficamente parti remote del mondo, ad esempio in Nigeria, Senegal, Mauritania, Tanzania, Egitto, Iraq, Indonesia, Malesia, Pakistan e Sri Lanka. Le sue fotografie sono state inserite nella collezione della Fotostiftung Schweiz Winterthur. Ha esposto le sue foto nell'ambito di una mostra al BINZ39 (Zurigo 2023), dedicata a temi ebraici.

Il fotografo ha trovato accesso alla Val Bregaglia e al suo granito quando è tornato in Svizzera (1974) e nel corso dei decenni (dal 1982) ha scalato molti tiri (nell’Albigna e in Val Bondasca). Alla BIENNALE BREGAGLIA 2024, Marcel Herbst mostrerà le impressioni fotografiche di Bondo nel corso del tempo.

Senza titolo

1982-2024/2024
C-print su carta
18 parti



Piero Maspoli

Piero Maspoli (*1949) è uno scultore svizzero che lavora principalmente con la pietra naturale, più precisamente con il granito e l'arenaria. Entrambe le rocce fanno riferimento a un contesto più ampio: il granito si è cristallizzato dalla massa primordiale, mentre l'arenaria formatasi per sedimentazione reca impronte fossili. Interessato alla tensione degli opposti, l'artista predilige l'accostamento delle sue sculture all'architettura contemporanea.

Piero Maspoli è membro fondatore del Gaswerk AZB di Schlieren. L'artista ha inoltre ottenuto una residenza d'artista al Cairo e a Beirut in collaborazione con Hussam Bokeili (2021-2022).

Per Piero Maspoli, Bondo rappresenta molte cose allo stesso tempo, perché le persone sono presenti qui tanto quanto la natura. Insieme interagiscono e sono in un dialogo (ancora) infinito. Per la BIENNALE BREAGLIA 2024, l'artista ha collocato un camino – un elemento comune nel paesaggio del paese – su uno zoccolo tra il massiccio montuoso e un ponte. La figura arcaica non solo fa riferimento al ciclo della materia nel conflitto tra le mani dell'uomo e la natura, ma invita anche l'uomo a riconoscere il potere schiacciante della montagna.

Granito

2024
gneiss del Piz Cengalo
5 parti



Juliana Rios Martinez

Juliana Rios Martinez (*1988) è una pittrice e artista visiva colombiana. Ha sempre cercato di far parte dei luoghi in cui lavora, entrando in contatto con l'ambiente e le persone che la circondano. Il suo lavoro è guidato da questioni di identità, comunità e dall’importanza del colore nella nostra vita quotidiana.

Rios Martinez ha già ricevuto diverse borse di studio e residenze, tra cui la residenza artistica del Quebec Council of Arts and Letters (Canada 2015) e la borsa di studio Arts in Residence a Esbeek (Paesi Bassi 2019). È stata la vincitrice della Spotlights Open Call della Amalgama/Barcú Foundation (Londra 2021). Recentemente, le sue opere sono state esposte nell'ambito della mostra collettiva Opposing Fictions: Women provoking fact and fabrication al Koppel X al Piccadilly Circus (Londra 2022).

Con la sua partecipazione alla BIENNALE BREGALIA 2024, Juliana Rios Martinez porta il suo lavoro artistico oltre i confini del suo Paese e lo rende parte del patrimonio artistico di un’altra comunità. Avendo appena ricostruito la casa di sua nonna a Villanueva (La Guajira), ha sperimentato il significato della ricostruzione di una casa e di trovare un diverso senso del tempo in una città rurale. Bondo sta ancora guarendo e ricostruendo dopo la valanga del 2017. Con il suo lavoro e il conseguente colore che sta portando a Bondo attraverso la Biennale, l'artista vuole contribuire alla ricostruzione e onorare la sua storia.

Jardín de los Alpes tropicales

2024
pigmenti naturali, calce, sale e sabbia



Lea Schaffner

Lea Schaffner (*1989) è una videoartista svizzera il cui lavoro si occupa di narrazioni culturali, sociali e storiche e del racconto di storie. Nelle sue installazioni, l'artista prende spunto da circostanze locali o storiche, che sviluppa in proprie narrazioni. Le sue opere pongono domande sul modo in cui la storia è stata e viene scritta e su quali forme di ricordo possono sfidare gli ordini stabiliti.

Le opere di Lea Schaffner sono state esposte nell'ambito della mostra personale Aus dem Kopf, From the Head (by heart) presso sic! Elphanthouse (Luzern 2022). Ha partecipato alla mostra collettiva Next Generation al Trudelhaus (Baden 2023) e ha esposto i suoi ultimi lavori nella mostra relatives with Philip Ullrich al Kabinett Visarte (Zürich 2024).

Attratta dalla sede della BIENNALE BREGAGLIA 2024, Lea Schaffner continua il suo progetto in corso degli «eigenwillige Archive» a Bondo. Ispirandosi al concetto di «archivio della volontà» (Willfulness Archive) di Sara Ahmed, l'artista ricerca modi per espandere l'archivio convenzionale e mettere in discussione le strutture della memoria. A Bondo, l'artista si è messa alla ricerca degli edifici scomparsi dopo la frana (2017). Nel corso del processo è emersa la difficoltà di ricordare il presente; l’«Archivio della volontà di Bondo» ruota quindi attorno a un presente appena tangibile, visitando e ricordando un futuro.

Un ringraziamento speciale a: Elvira Salis-Ganzoni, Caroline Hepting, Johanna Kotlaris e Inga Müller.

Besuchen gehen

2024
video a colori
21 min, DE/IT/EN, loop



Ines Marita Schärer

Ines Marita Schärer (*1987) lavora negli ambiti della poesia, della performance, dell'installazione, della sound art e della musica sperimentale. Si occupa delle condizioni precarie, della vulnerabilità e della sensibilità di esseri diversi all'interno delle strutture di potere dominanti ed esplora la voce e le parole come mezzo per creare relazionalità e speculare e re-immaginare le loro condizioni e ambienti.

Ha ottenuto residenze presso il Forum For Radical Ecology Study FO.R.E.ST (Estonia), MORPHO, Development Residency (Anversa 2023) e ha partecipato a mostre collettive presso Stadtgalerie (Berna), Kunsthaus Langenthal, Z33 (Hasselt) e a vari progetti nello spazio pubblico.

La BIENNALE BREGAGLIA 2024 ha offerto a Schärer l'opportunità di avvicinarsi alla Val Bregaglia, che l'ha affascinata fin dall'infanzia, in un modo nuovo attraverso lo scambio e il dialogo sul posto. Le stazioni della sua installazione sonora si trovano in diversi luoghi. Una volta sussurrate, poi pronunciate o cantate, le voci risuonano seguendo il vento nella valle. L'artista contrappone alla pietra dura la voce e la sua peculiarità di agente lenitivo e calmante. Attraverso il dolce incoraggiamento della voce, avviene un confronto diretto con il presente, che si contrappone al passato e alla relativa brutalità della frana. Un'attenzione particolare è rivolta al racconto Le api di Plurs della scrittrice e forte personalità della valle Silvia Andrea (1840-1935) così come alla sensibilità delle api alle quali lei fa riferimento.

Il testo Le api di Plurs della scrittrice Silvia Andrea (1840-1935), reinterpretato dalle classi 4ª-6ª della scuola primaria di Maloja, potete ascoltarlo qui.

Voce: 
- Cinzia Rogantini
- Ines Marita Schärer

Fisarmonica:
- Suzan Peeters

Sorèl sussurra

2024
installazione audio
7 parti in Bondo



Jonathan Steiger

Jonathan Steiger (*1997) è un artista transdisciplinare svizzero che vive e lavora ad Amsterdam. Nel suo lavoro esplora le diverse connessioni tra paesaggio, estetica e architettura. Il suo lavoro si concentra in particolare sulle situazioni in cui gli ambienti e i processi creati dall'uomo coincidono improvvisamente con quelli naturali. Uno degli interessi principali di Steiger è il modo in cui le percezioni di luoghi e paesaggi hanno un effetto sullo spazio fisico. Jonathan Steiger ha studiato pratica spaziale al Sandberg Instituut di Amsterdam e belle arti all'Università delle Arti di Zurigo. È stato borsista della piattaforma europea di architettura LINA (2023).

La sua “Baumoräne”, creata per la BIENNALE BREGAGLIA 2024, si basa sulla stretta connessione tra l'architettura di Bondo e il paesaggio circostante. L'opera è composta da pietre che sono state conservate inutilizzate nel villaggio e che l'artista ha preso in prestito dai suoi abitanti. Il corpo e il materiale dell'opera illustrano quanto le montagne e il terreno non siano statici, ma in costante movimento; d'altra parte, raccontano anche la storia dell'architettura circostante, che consiste in un materiale naturale che può essere riutilizzato all'infinito. Dopo la Biennale, le pietre saranno restituite ai proprietari originari o riportate al loro luogo di origine.

Baumoräne

2024
pietre, Paraloid B-72, inchiostro di china, manifesto

Georg Gatsas

Nachtwache ich, 2024
colore acrilico, telo, legno di nocciolo, spago, piante di pomodoro, piante di prezzemolo, piante di basilico, terra

Lea Schaffner

Juliana Rios Martinez

Piero Maspoli

Jonathan Steiger

Ines Marita Schärer

Marcel Herbst

Kotoaki Asano

Lisa Collomb